MASSIMA SOLIDARIETA’ E SOSTEGNO AD ATTIVISTI NO TAV TERZO VALICO

Alessandria -

 USB si schiera contro l'ennesimo atto di accuse menzognere e repressive da parte di un potere talmente becero e colluso da rasentare l'incredulità.                                                                                                                                                                                                                                                                             Il 5 di Aprile 2014, in Arquata Scrivia, si svolgeva una delle ormai diffuse e frequenti manifestazioni di attivisti NO TAV che in DIFESA DEL PROPRIO TERRITORIO, rivendicavano pacificamente il proprio convincimento della pericolosità e dell'inutilità del prosieguo di lavori inerenti gli scavi Tav .

 Come Organizzazione Sindacale di Base, contraria da sempre all'opera Tav, sottolineiamo  come quest'opera abbia finora collezionato ben più che sospetti di collusioni criminali, tangenti e infiltrazioni mafiose (come emerso da carte processuali), oltreché di accertata insalubrità per la popolazione e danneggiamento del territorio.                                               

 Ora, la patetica posizione del tribunale, che con un'ordinanza pretestuosa, processerà 50 persone, cittadini onesti, rei di esprimere il loro dissenso, ci vede affiancare e solidarizzare con questi compagni contro questo sopruso che risulta quanto più odioso, quanto ingiusto!

I reati di cui si discuterà non corrispondono affatto a quanto  realmente accaduto, in quanto le numerose testimonianze dei presenti non possono certo essere confutate da personaggi, quali giornalisti, estimatori Tav e politicanti affini  che non presenziando all'evento ne rivendicano però  la conoscenza dettagliata (fasulla, come tutta la loro esistenza).                                                                                                                                             

per Federazione Provinciale USB Alessandria
Giovanni Maccarino